Ir al contenido principal

PASTORIZIA:FUTURO E SOSTENIBILITA'


La Sardegna possiede il 40 per cento dell'intero patrimonio ovicaprino nazionale (3 milioni di pecore e 200 mila capre) e, conseguentemente, detiene il sistema pastorale più importante in Italia. Il pastoralismo è una cultura, un modo di rapportarsi tra uomo e territorio. Non una cultura residuale ma, fino ad oggi, in espansione. Il pastore è sceso dalle montagne verso le colline e le pianure della Sardegna. Ha anche realizzato una transumanza lunga perché ha varcato il mar Tirreno, ha colonizzato non solo le terre abbandonate dagli agricoltori sardi ma anche quelle dei mezzadri, soprattutto della Toscana. Nel secondo dopoguerra il progressivo appoderamento delle aziende pastorali e l'abbandono delle transumanze hanno portato a una relativa stanzialità delle greggi. Si è verificata una trasformazione degli allevamenti in aziende sedentarie con sostanziali miglioramenti fondiari, diffusione delle trattrici, degli edifici razionali, della mungitura meccanica, della refrigerazione del latte alla stalla. Il pascolamento a cielo aperto, integrato dalla coltura degli erbai, è tuttavia ancora oggi la base alimentare di gran lunga prevalente per gli ovini della Sardegna. La pastorizia è da questo punto di vista, come mostrano molti studi recenti a livello internazionale, un sistema più che mai sostenibile in tempi di crisi ambientale e alimentare perché si mostra in grado di garantire produzioni in ambienti marginali, abbandonati dalle moderne agricolture, se coniuga l'attività col rispetto dell'ambiente: può essere una risposta antica a problemi del futuro.

Comentarios

Entradas populares de este blog

L'ISOLA DELLE STORIE-INIZIA IL FESTIVAL LETTERARIO DI GAVOI

In un clima di grande incertezza sui fondi alla cultura, il festival letterario di Gavoi torna quest’anno con un programma comunque di prestigio. L’edizione numero nove del festival Isola delle Storie porterà dal 28 giugno al primo luglio grandi nomi della cultura, dal giornalismo alla letteratura, secondo una formula ormai più che rodata che rende la rassegna di Gavoi una delle più importanti a livello nazionale. Spiccano inoltre nomi dello spettacolo, come quello di David Riondino, chiamato a inaugurare il festival - giovedì 28 giugno alle 22 - accompagnato dal trombettista jazz Riccardo Pittau. I tanti aficionados di Isola delle Storie conoscono ormai il succedersi degli appuntamenti nei tre giorni veri e propri del festival (dunque quest’anno da venerdì 29 giugno a domenica primo luglio), scanditi da un incontro nella prima mattinata, un’altro nella tarda, e poi altri incontri con gli autori dal pomeriggio sino a tarda sera (e a notte inoltrata con il consueto dopofestival, chiam…

SPAGNA CHIAMA SARDEGNA, IN LINGUA CATALANA!

Un disco che uscirà a novembre, una tournée appena conclusa in Spagna e una nuova collaborazione in vista. Dopo avere festeggiato i dieci anni di carriera nel 2011, Franca Masu non si è fermata. Mentre il suo disco "10 anys" era un album dei ricordi sui palchi d'Europa, il prossimo lavoro discografico, "Alma Blau", «è un momento di svolta». A dirlo è la stessa cantante algherese, appena rientrata dai concerti di Madrid.
Con la sua aria sempre in bilico fra il sofisticato e il naif, con un piede per terra e uno sui palchi del Mediterraneo, Franca Masu racconta le ultime esperienze di cantante, di autrice e di madre.
La lingua di riferimento è ancora il catalano?
«Sì. I brani in italiano sono solo tre: uno di Beccalossi e due riadattamenti dai repertori di Dulce Pontes e di Cesaria Evora. Devo dire che per me il catalano è una sorta di gabbia d'oro. È una lingua difficile, il suo suono è allo stesso tempo ostico e soave. Ma voglio scrivere in catalano e mi batte…

LOS "CULURGIONES", UNA DELICATESSEN DE LA COCINA DE CERDEÑA

Los culurgionesson uno de los platos típicos de la zona de la zona centro y centro-oriental de Cerdeña (Barbagia de Seulo y de Ogliastra). Se conocen también como culurxionis o culingionisy son, en esencia, ravioli de patata, ajo, queso y menta con forma rectangular, redonda o de medialuna. Estos ingredientes se combinan de forma diferente en las distintas zonas y ni siquiera en el mismo pueblo encontramos los mismos sabores: cada familia tiene su propia receta. 
En Come mai? Lingua e cultura italiana enseñamos a hacer esta delicatessen de la cocina de Cerdeña, en nuestro curso de cocina italiana en italiano, el 18 de noviembre a las 19.30 en nuestro local en C/ San Vicente Ferrer 64.