Ir al contenido principal

Cuando SARDEGNA se une a Hollywood...


GOSSIP
George, ho un languorino (Clooney schiavo d'amore) - La Canalis parcheggia il suo fidanzato in auto mentre fa colazione e lui le affitta una suite da sogno alle Hawaii: Eli dà lezioni su come si trattano gli uomini

George, ho un languorino (Clooney schiavo d'amore)

Notizia del 26 maggio 2010 - 14:00

La Canalis parcheggia il suo fidanzato in auto mentre fa colazione e lui le affitta una suite da sogno alle Hawaii: Eli dà lezioni su come si trattano gli uomini


La coppia Clooney-Canalis veleggia col vento in poppa. Lo scenario, incantevole, è quello del mare delle isole Hawaii dove l'attore hollywoodiano è impegnato nelle riprese del film The descendants . Nelle isole del Pacifico, Clooney pare abbia contattato un agenteimmobiliare per acquistare un nido d'amore per lui ed Elisabetta.

Nel frattempo il fascinoso George si è fatto raggiungere dall'attrice italiana per spegnere insieme, il 6 maggio scorso, 49 candeline in una lussuosa suite da 800 metri quadri, affittata a 6.500 dollari a notte all'Hotel St. Regis di Princeville. Relax e chiacchierate a bordo piscina, passeggiate romantiche, baci: secondo quanto riporta Us Weekly, i due non hanno fatto altro che scambiarsi coccole tra un frullato (per lui) e patatine fritte (per lei).

Non bada a spese, George, per godersi il momento magico di questo fidanzamento: la coppia viaggia disinvoltamente tra l'America e l'Italia, dove continua a mantenere il proprio campo base. E' di qualche giorno fa la sortita di Elisabetta Canalis in un affollato bar di viale Piave , a Milano. Lì la showgirl ha fatto colazione sola con un cane.

Anzi, con due: Andrea e Vittorio, fedeli amici a quattro zampe di Elisabetta, le hanno tenuto compagnia mentre lei sbocconcellava brioches e cappuccino. E, "parcheggiato" in auto , c'era nientemeno che lui, George, che attendeva paziente per evitare l'assalto dei fan. Che uomo da sposare (se solo si decidesse)!

Comentarios

Entradas populares de este blog

L'ISOLA DELLE STORIE-INIZIA IL FESTIVAL LETTERARIO DI GAVOI

In un clima di grande incertezza sui fondi alla cultura, il festival letterario di Gavoi torna quest’anno con un programma comunque di prestigio. L’edizione numero nove del festival Isola delle Storie porterà dal 28 giugno al primo luglio grandi nomi della cultura, dal giornalismo alla letteratura, secondo una formula ormai più che rodata che rende la rassegna di Gavoi una delle più importanti a livello nazionale. Spiccano inoltre nomi dello spettacolo, come quello di David Riondino, chiamato a inaugurare il festival - giovedì 28 giugno alle 22 - accompagnato dal trombettista jazz Riccardo Pittau. I tanti aficionados di Isola delle Storie conoscono ormai il succedersi degli appuntamenti nei tre giorni veri e propri del festival (dunque quest’anno da venerdì 29 giugno a domenica primo luglio), scanditi da un incontro nella prima mattinata, un’altro nella tarda, e poi altri incontri con gli autori dal pomeriggio sino a tarda sera (e a notte inoltrata con il consueto dopofestival, chiam…
El "Appuntamento italiano"

El "Appuntamento italiano" de Come mai? Lingua e cultura italiana es un encuentro gratuito para hablar italiano fuera del aula. En Come mai? creemos que aprender un idioma significa acercarse y sumergirse en su cultura. Cuanto más ocasiones haya de conocer las costumbres y las formas de vivir de los italianos e italianas, más se entra en contacto con la cultura de nuestro país.

Muchas personas que estudian italiano no tienen ocasión de practicarlo a menudo fuera del aula y de saber más sobre nuestra cultura. Por eso ofrecemos a nuestr@s alumn@s y a todas las personas que estudian italiano la posibilidad de sumergirse en nuestra cultura y de practicar el idiomas durantes un par de horas en nuestro "Appuntamento italiano".

Cada vez hacemos algo diferente: un paseo en italiano por distintos barrios de Madrid, ir al cine a ver una pelicula italiana que se acaba de estrenar, ir junt@s a un evento cultural italiano que se desarrolle e…

SPAGNA CHIAMA SARDEGNA, IN LINGUA CATALANA!

Un disco che uscirà a novembre, una tournée appena conclusa in Spagna e una nuova collaborazione in vista. Dopo avere festeggiato i dieci anni di carriera nel 2011, Franca Masu non si è fermata. Mentre il suo disco "10 anys" era un album dei ricordi sui palchi d'Europa, il prossimo lavoro discografico, "Alma Blau", «è un momento di svolta». A dirlo è la stessa cantante algherese, appena rientrata dai concerti di Madrid.
Con la sua aria sempre in bilico fra il sofisticato e il naif, con un piede per terra e uno sui palchi del Mediterraneo, Franca Masu racconta le ultime esperienze di cantante, di autrice e di madre.
La lingua di riferimento è ancora il catalano?
«Sì. I brani in italiano sono solo tre: uno di Beccalossi e due riadattamenti dai repertori di Dulce Pontes e di Cesaria Evora. Devo dire che per me il catalano è una sorta di gabbia d'oro. È una lingua difficile, il suo suono è allo stesso tempo ostico e soave. Ma voglio scrivere in catalano e mi batte…